LETTURA VELOCE CHE PAURA

Lettura Veloce

Cosa vuol dire leggere veloce?

Al mio primo corso di Lettura Veloce (da studente) non ero ancora sicuro di voler veramente leggere più velocemente. E se avessi smesso di godermi i romanzi? In fondo a me piaceva andare lento, sentire dentro la mia testa il suono di ogni parola, avere le giuste pause per creare la giusta suspense… Tutto questo all’inizio mi è stato d’ostacolo, perché mentre una parte di me spingeva per proseguire, per leggere più veloce, dimezzare i tempi, una parte di me mi stava rallentando. Quello che inizialmente non avevo capito, anche se mi era stato detto dal Docente, era che potevo scegliere la mia velocità. Andare più veloce quando mi serviva, o più lento, se volevo gustarmi un romanzo, o una sua specifica parte.

Se vuoi intraprendere, o stai intraprendendo, la strada della Lettura Veloce, una delle prime domande che devi farti è: qual è la mia intenzione nel leggere questo libro? La prima vera differenza la fa il voler leggere per intrattenimento o per studio. Ci tengo a specificare che per studio intendo il voler attingere e far proprie un certo tipo di informazioni da un qualsiasi testo. Se sto leggendo un romanzo per intrattenimento, io sono il primo a voler andare a velocità normale, perché ci tengo a soddisfare anche quella che è l’intenzione dell’autore, ovvero di farmi entrare nei panni del protagonista, provando tutto quello che prova lui. Però ci sono delle eccezioni. Porto l’esempio di un libro che ho letto recentemente: “Ingannando Houdini”, che parla della vita di una persona nell’ambito della Magia. Per la maggior parte del libro sono andato a velocità normale; in alcuni capitoli invece, si soffermava sulla spiegazione di una serie di dati di cui m’importava poco. Quei punti ad esempio li ho letti con la Lettura Veloce.

Lettura Veloce

Se invece mi ritrovo tra le mani un saggio, o un testo da studiare, lì la Lettura Veloce e la Foto Lettura fanno la differenza. Mi permettono di passare in rassegna tutto il libro in pochi munti e tornare solo su quello che mi serve davvero. Mai sentito parlare della legge di pareto? Questa legge afferma che l’80% delle informazioni si può trovare nel 20% del contenuto, ed è assolutamente vero. Non ti serve veramente tutto del testo che hai davanti. L’80% di questo stesso articolo è inutile! Ed è qui che torna la domanda che ti ho fatto all’inizio, qual è la tua intenzione? Perché se l’hai chiara in mente, puoi veramente fare miracoli con un libro, leggerlo in poco tempo, e passare al successivo.

Sonny Zanon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.